avrei sempre una valigia pronta per partire

Avrei sempre una valigia pronta per partire. Rimango ore a guardare l’andirivieni incessante del mare che bacia la sabbia così come mi regalo lunghe passeggiate nel candore della neve che imbianca le creste maestose delle Dolomiti. Girovago lentamente tra vicoli silenziosi, che ancora mantengono intatte le fattezze d’altri tempi, quasi anacronistiche. Mi lascio attraversare dall’energia cittadina che pulsa nelle grandi città, con le loro architetture antiche o all’avanguardia. Insomma andrei ovunque, purché si respiri bellezza e incanto.

circondata da

SCAMPOLI DI TESSUTI, FORBICI DA SARTA E BOBINE DI COTONE MI CIMENTO IN SEMPLICI CREAZIONI. I MIEI CARRELLI ONLINE SONO SEMPRE TROPPO PIENI. E TROPPO SPESSO DI VESTITI.

Leggo, abbastanza.  Eppure meno di quanto vorrei.

Ammetto che troppo spesso la scelta ricade su grandi classici. Compro libri irrinunciabilmente stampati, di quelli che portano dentro l’odore della carta e dell’inchiostro. Li scelgo con cura e li conservo gelosamente. Cedo soprattutto alle storie capaci di rendermi, da spettatrice, protagonista. Alle storie capaci di contaminare le mie emozioni.
Poi c’è un amore, irresistibile, per la scrittura. Allora, quando lo spazio delle didascalie dei social non basta, racconto sul mio blog. Fucina delle mie passioni, dove riesco a condensarle un po’ tutte.

avrei sempre una valigia pronta

Avrei sempre una valigia pronta per partire. Rimango ore a guardare l’andirivieni incessante del mare che bacia la sabbia così come mi regalo lunghe passeggiate nel candore della neve che imbianca le creste maestose delle Dolomiti. Girovago lentamente tra vicoli silenziosi, che ancora mantengono intatte le fattezze d’altri tempi, quasi anacronistiche. Mi lascio attraversare dall’energia cittadina che pulsa nelle grandi città, con le loro architetture antiche o all’avanguardia. Insomma andrei ovunque, purché si respiri bellezza e incanto.

circondata da

SCAMPOLI DI TESSUTI, FORBICI DA SARTA E BOBINE DI COTONE MI CIMENTO IN SEMPLICI CREAZIONI. I MIEI CARRELLI ONLINE SONO SEMPRE TROPPO PIENI. E TROPPO SPESSO DI VESTITI.

leggo, abbastanza
eppure meno di quanto vorrei

Ammetto che troppo spesso la scelta ricade su grandi classici. Compro libri irrinunciabilmente stampati, di quelli che portano dentro l’odore della carta e dell’inchiostro. Li scelgo con cura e li conservo gelosamente. Cedo soprattutto alle storie capaci di rendermi, da spettatrice, protagonista. Alle storie capaci di contaminare le mie emozioni.
Poi c’è un amore, irresistibile, per la scrittura. Allora, quando lo spazio delle didascalie dei social non basta, racconto sul mio blog. Fucina delle mie passioni, dove riesco a condensarle un po’ tutte.